Ricordo di Nassiryia

COMUNICATO DELLA PRESIDENZA ANMI dell’ 11 novembre

Domani ricorrono 16 anni dalla strage di Nassiryia che vide 19 italiani (12 carabinieri, cinque soldati e due civili) uccisi da un attentatore. Li ricordiamo, commossi e consapevoli del loro sacrificio ed ammainiamo le nostre insegne.
Ieri, vicino a Kirkuk (Iraq del Nord), un ordigno sistemato su una strada, ha provocato il grave ferimento di almeno cinque militari Italiani (di cui due Incursori della Marina), impegnati in una missione – denominata “Prima Phartica” – di addestramento delle forze di sicurezza irakene in funzione anti-ISIS, l’organizzazione terroristica che, non ancora debellata, ha rivendicato l’attentato.
I Marinai d’Italia, nel ribadire il pieno sostegno e la vicinanza alle nostre Forze Armate, ovunque impegnate, esprimono solidarietà ai nostri feriti, ai quali augurano pieno e tempestivo ristabilimento, pur consapevoli della gravità delle lesioni riportate nel vile attentato. Ci stringiamo in un caloroso, solidale abbraccio alle famiglie così duramente colpite.

Il Gruppo dei Marinai d’Italia di Monfalcone esprime la piena vicinanza e solidarietà ai nostri feriti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *