Incontro in Regione con l’assessore Roberti ed il Comitato del Volontariato

06.11.2018 17:51

Volontariato: Roberti, Regione attenta anche alle piccole associazioni

Udine, 6 nov – “Il nuovo bando regionale per il finanziamento di progetti di volontariato cercherà di premiare anche le piccole associazioni e di promuovere realmente l’associazionismo che opera in rete”.

Lo ha affermato l’assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, nel corso dell’incontro odierno a Udine con il Comitato regionale del volontariato.

“Dall’esperienza emersa dalla partecipazione al bando nazionale – ha evidenziato Roberti – ci siamo resi conto che le modalità di erogazione dei fondi tendono a premiare maggiormente le associazioni di volontariato più grandi e più organizzate da un punto di vista gestionale. Il Friuli Venezia Giulia però si caratterizza per la particolarità di avere un volontariato molto radicato e diffuso sul territorio, fatto di tantissimi soggetti anche di piccolissime dimensioni a cui la Regione intende dare piena dignità e quindi sostegno”.

L’assessore ha condiviso con i rappresentanti del Comitato la volontà che il nuovo bando regionale, che sarà licenziato entro dicembre e avrà scadenza a fine febbraio, contenga quindi nuove modalità per favorire la rete tra associazioni e al contempo distribuire i contributi in maniera più capillare su tutto il territorio, non concentrandoli solo nei centri maggiori.

La prossima assemblea regionale annuale delle organizzazioni di volontariato del Friuli Venezia Giulia, fissata a sabato 24 novembre, sarà l’occasione per raccogliere proposte sulle progettualità da inserire nel bando.

Dalle prime indicazioni emerse, risulta prioritaria la necessità di sostenere progetti che promuovano l’invecchiamento attivo e lo sviluppo della cultura del volontariato tra i giovani. Inoltre, tra gli ambiti prioritari di intervento, quello dedicato ai progetti di integrazione delle persone di culture differenti nelle comunità locali del Friuli Venezia Giulia, volti a favorire il dialogo interculturale, l’incontro e la conoscenza reciproca, previsto nel precedente bando, sarà invece sostituito, con un ambito progettuale dedicato al contrasto all’alcolismo, all’uso di droghe e alle dipendenze, in particolare tra i giovani.

Nel corso del 2019, come ha informato Roberti, verrà avviato l’iter per l’adeguamento della legge regionale sul volontariato alla riforma nazionale del Terzo settore, iter che probabilmente si concluderà nel corso del 2020. ARC/SSA/ep

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *